Finalmente

Tags

Finalmente

SS .Redentore – Morena 1-0

Il Redentore ritorna finalmente alla vittoria con una convincente prestazione e si porta a ridosso della zona che conta per l’Europa, mancando si e no quella quarantina di punti…

Partita scevra di emozioni, con si e no 3 tiri in porta da parte di tutte e due le squadre, e poche azioni pericolose. La squadra schierata da Tony è praticamente obbligata, non avendo che 3 centrocampisti: un 4-3-3 con Tucu-Fiori centrali e Claudio-Rocco sulle face, Gori-Fefo e Josè a centrocampo e il tridente Mirko-Baldo-Vincenzo in avanti.

Buona partenza del Redentore che scopre subito che con Mirko può fare male in velocità, ma la sua sgroppata dopo un’ottima sponda di Baldo viene fermata da un’ottima uscita del portiere avversario. Poi però più nulla, e, se non per sporadiche incursioni nelle aree, il gioco latita a centrocampo, con Vito che per buona parte del tempo può raccogliere margherite dietro la porta.

Nel secondo tempo il copione non cambia, anche se dopo pochi minuti un bisticcio (non mi sembra neanche di chiamarla collutazione) tra Mirko e un loro centrocampista fa propendere l’arbitro per un’esagerata  (soprattutto nei confronti di Mirko, che oggettivamente non aveva fatto proprio niente) doppia espulsione. Per onor di cronaca, l’ammonizione successiva di Josè, squalificato, ci priva la prossima partita dei due giocatori apparsi più in forma…

Inaspettatamente quanto provvidenzialmente, in onore del vecchio detto “la ruota gira”, questa volta la partita si mette bene per noi, e una palla messa in mezzo all’area avversaria viene ciccata dal portiere a da un difensore, arriva Rocco e deposita in rete malgrado il disperato tentativo in scivolata del loro centrale. E’ un insperato 1-0 a dieci minuti dalla fine, che questa volta riusciamo anche a portare a casa senza soffrire ulteriormente, visto che l’unica occasione creata dai nostri avversari sarà un tiro da fuori area di molto fuori.

Quindi, questa volta, partita equilibrata, meritevole di pareggio, che però abbiamo portato a casa.

Inizio di un periodo di buona sorte? Ai posteri l’ardua sentenza…

Migliori in campo, Tucu, Mirko e Rocco.

Ok, visto che l’articolo era un po’ corto (ma la partita era tutta qui, giuro!!!), ho raccolto un po’ di dichiarazioni in giro…

SPAZIO ALLE DICHIARAZIONI:

Mancano dunque una quarantina di punti, tuttavia dovendo recuperare quella cinquantina di partite che a Santerno non si sono giocate per vari motivi. A questo proposito, precise le parole del custode del campo al proposito:

“Ho un posto Venercoledi 33 Ottembre alle venticinque e sestanta puntuali. Prendere o lasciare!”

Comunque traspare ottimismo nei palazzi, per questa rimonta possibile iniziata oggi. Queste le parole di un Umarell di passaggio che ha osservato la partita dalla tribuna d’onore Est, al di là del fosso, scrollando la testa e condendo il tutto con repentini “Mo me deg che e signour”:

“Battere il Morena è sempre difficile. Sono una squadra ggiovane, ricca di talento e fantasia, pronta a colpirti ad ogni errore. Siamo stati bravi a non concedergli niente e a pungere in contropiede!”

Dello stesso avviso l’autore del gol, Rocco, che in una toccante intervista rilasciata a Forbes ringrazia tutti e due i suoi fans (che hanno preferito rimanere anonimi):

“Ho pensato di smettere di giocare quando ho visto un cross di Claudio!”

Squadra quindi, quella vista oggi al SantAntonio Stadium, che getta nuova linfa ad un campionato che ormai sembrava privo di incognite e che ora, a detta degli addetti ai lavori, è definitivamente riaperto. Anche l’amministratore delegato, tradizionalmente abbottonato, si toglie i sassolini dalle scarpe proclamando:

“La svolta? La sofferta vittoria ai rigori nell’amichevole contro la rappresentativa “amici del Burraco di Biella over ’75”. Lì abbiamo preso coscienza e fiducia nei nostri mezzi!”

Raggiante anche Tony, l’allenatore che spiega ai giornalisti i trucchi per reagire alle sgroppate di Fiori non previste dagli schemi senza alterarsi:

“In panchina faccio esercizi di respirazione e quando proprio non mi trattengo, prorompo in dichiarazioni che non possono portare a squalifiche, tipo “Orto mio!”, “Porta una donna!”, o la mia preferita:“Bio Parco!””

…e i cori dalla curva per il mister da parte dei figli di Tucu si sprecano.

(Per saperne di più, leggete l’editoriale del “times” di Paolo Alberani: “quando gioco con mio papà nel campetto devo mettermi i parastinchi!”)

Purtroppo le groopies in panchina non hanno voluto rilasciare dichiarazioni perché era finita la crema solare. Ce ne scusiamo con i lettori.

Non tutte rose e fiori comunque a casa Redentore: suscita scalpore infatti la dichiarazione rilasciata dal Baby fenomeno Mirko, a proposito della sua espulsione:

“Sono un tipo regolare, ma se mi parte l’embolo accoltello anche il papa!”

Malgrado le recenti dimissioni Petrine, raddoppiata la sicurezza a castel Gandolfo.

Sulla stessa linea d’onda Fefo, che invitato a Sanremo giovani ha espresso una sua personale visione dei bambini:

“Una volta un chierichetto mentre giocavamo in cortile ha provato a farmi tunnel. Hanno dovuto amputargli una gamba e adesso a carnevale si traveste da ghiacciolo.”

Come se non bastassero questi scandali, sirene blaugrana per Savio, oggi assente, che per i più informati giornalisti vicini al calcio catalano sarebbe ad un passo dalla firma col Barcellona, e potrebbe già giocare a fianco di Puyol la partita di ritorno contro il Milan in champion’s league, lanciando lo sconforto nell’animo milanista e soprattutto in El-Sharaawi, che ha commentato:

“Se c’è lui l’unico modo che abbiamo per fare gol è direttamente con la rimessa del portiere.”

Sirene, invece dalle tinte rosa per Josè, che apre la sua rubrica amorosa su “chi”. I suoi consigli di questa settimana?

“Para conquistar una muliera? Macchinone, restorantinho elegante y giù de lingua a mulinello!”

Già nota invece ormai la vicenda di Bass, legatosi per cinque anni con un contratto milionario con la Pirelli. Tronchetti Provera, infatti, dopo aver visto un suo stop, l’ha assolutamente voluto come testimonial nella campagna pubblicitaria: “la potenza è nulla senza controllo”.

Siamo così arrivati al punto cruciale della stagione del Redentore, tra alti e bassi, curiosi di vedere come andrà a finire.

Alla prossima!                                                                                                          Reddd

Copyright © 2020 SS Redentore. Design: goodkarma. - Area Riservata

Privacy Policy