IL CIELO è UN POCO PIù BLU

Tags

IL CIELO è UN POCO PIù BLU

Il Redentore scaccia le nubi e trova la seconda vittoria di fila.

Questa è la notizia migliore, seconda vittoria consecutiva del Redentore calcio che non accadeva da un po’ di tempo, perché vincere si può, ma certamente ripetersi  è già più complicato. In più c’è da aggiungere che l’avversario era certamente più complicato da affrontare rispetto alla scorsa partita, quindi il rischio di “rilassarsi” (perché siam fatti così dopo ogni bella prestazione) c’era tutto.
Andiamo con un po’ d’ordine. Sabato a Sant’Antonio si giocava Redentore-Villanova. La formazione in campo dei nostri vedeva Vito (che con lui sia anche tornata un po’ di buona sorte?!) in porta, difesa a 4 con Claudio, Walker, Baldo e Michi, centrocampo  a tre confermati Rajab, Gori e Balsa e trio d’attacco con Tanque punta ed esterni Chri e Tronco. In panchina con Mister Tony bell’imbacuccati Tucu, Bobbi, Fefo e Gabri.
La partita non parte nei migliori dei modi, dopo 2 minuti dove attacchiamo gli avversari ci spegniamo e entriamo in un sogno lungo lungo. Il Villanova ci pressa su ogni pallone e ci costringe a non eseguire un passaggio fatto bene e soprattutto ad un nostro compagno, inoltre senza troppa difficoltà arriva spesso in area o al limite e anche più volte al tiro. Grazie a qualche fallo recuperato da Tronco e ad una difesa (Vito e Walker su tutti) attenta e pronta a sventare ogni tentativo avversario riusciamo a mantenere lo 0 a 0 fino al 30esimo del primo tempo. Poi gli avversari calano un po’ il pressing e il Redentore, con Tony ormai afono, riesce a svegliarsi e riprendere in mano il bandolo della matassa. Palla bassa, passaggi giusti e con qualche bella giocata il Redentore si porta diverse volte dalle parti del portiere avversario, senza mai farlo sporcare, un po’ per demeriti nostri, ma forse di più per merito di falli da parte degli avversari, che puntualmente abbattono Tronco prima di una conclusione o di un cross. Finisce il primo tempo 0 a 0, il Villanova può vantare un palo e il Redentore 3 netti rigori non fischiati dall’arbitro.
Il secondo tempo le squadre si fronteggiano a viso aperto. La partita è nettamente più vivace del primo tempo. Entra Gabri per Tanque e Fefo per Balsa. E a metà del secondo tempo un Gabri lanciato a rete da Chri sfrutta la sua velocità per superare il terzino avversario e appena entrato in area sulla sinistra lascia partire un bel tiro rasoterra ad incrociare che il portiere avversario non riesce a respingere. Il Redentore esulta e continua con attenzione a controllare la gara cercando anche il colpo del ko, non trovandolo. Gli ultimi 15 minuti sono decisamente off limits. Tutto nasce da un’espulsione di un avversario per bestemmia, a noi che ci fa rilassare e agli avversai innervosire, infatti si buttano senza pensieri alla ricerca di un goal disperato. Indietreggiamo troppo, ma con abbastanza lucidità il Redentore sbroglia tutte le situazioni più delicate, fino a che durante una ripartenza da calcio d’angolo, un egregio tuffatore villanoviano si trova sulla strada di Gori mentre esce palla al piede dall’area, costui si lancia in uno dei più classici carpiati e l’arbitro, che non ferma subito l’azione, ma da vantaggio (se è rigore lo è subito nella casa del calcio, o no?!), e solo dopo un po’ fischia rigore! Tutti increduli, anche quelli del Villanova , Gori arrabbiatissimo non la manda a dire all’arbitro che lo caccia negli spogliatoi. Il capitano del Villanova va sul dischetto e…fuori!!! Entra Tucu per dare man forte all’arroccamento finale. Si gioca senza attaccanti gli ultimi 10 minuti. Il Redentore soffre ma con orgoglio e determinazione non butta via il regalo fatto dal Villanova e porta a casa ancora i 3 punti!
Migliori in campo due coppie: Vito e Walker, sbrigliano insieme tutte le azioni pericolose, il primo con uscite arrembanti e belle parate, l’altro con chiusure decise e una calma olimpica. Tronco e Gabri, entrambi hanno corso tantissimo e dato una gran mano anche in fase difensiva, il primo prende una serie infinita di falli l’altro beh…ha segnato!
Detto questo speriamo che questa seconda vittoria abbia portato ai ragazzi la convinzione che hanno i mezzi per poter fare bene,  un atteggiamento vincente su ogni partita e la voglia di portare a casa il risultato, sempre! Questo quindi deve valere anche sabato prossimo quando andremo ad affrontare una Stella Azzurra (sulla carta e anche sul campo sempre temibile) già sapendo di arrivare alla partita con qualche defezione di troppo. Ragazzi fuori gli attributi e non facciamoci intimorire.
P.S. chi si mette nel baule il birrozzo?!

Copyright © 2020 SS Redentore. Design: goodkarma. - Area Riservata

Privacy Policy