SCUSATE IL RITARDO

Tags

SCUSATE IL RITARDO

Sabato scorso, 23 Novembre 2012, finalmente il SSR calcio si sblocca e agguanta la tanto agognata prima vittoria in campionato,  vittima i ragazzi del Real Ravenna.

Diciamola tutta era nell’aria. Non lo dico da tifoso sfegatato o da mago illusionista, ma erano ben 4 partite che il risultato pieno è mancato veramente per poco.

La squadra sabato è scesa in campo con l’ormai consueto modulo 4-4-2: Vita in porta, Claudio, Tucu, Savio e Mario in difesa; Vito, Mario(tti), Josè e Chri a centrocampo e Mirco e Miki in attacco.

Concentrazione fin da subito ed entrare in partita prima del fischio di inizio, erano queste le parole d’ordine, e così è stato. Per buona parte della gara il Redentore ha dominato, sul piano del gioco, sulle occasioni create e sul numero di conclusioni, anzi si può tranquillamente dire che il primo tempo gli avversari sono andati sempre in affanno e le uniche (3/4) innocue azioni del Real sono nata da nostre disattenzioni, ma mai si è avuto il sentore che avremmo subito goal. La traversa-riga-fuori di Mirco era solo il preludio al primo goal di Vito, liberato a rete dopo una velocissima e bella triangolazione, ed al secondo goal direttamente su punizione (con la complicità del portiere avversario, ma poco importa) di Miki, che libera al cielo gioia, grida, maglietta e riscatto. Il Real è in bambola e il primo tempo finisce 2 a 0 solo perché alcuni dei nostri non sono troppo avvezzi a vedere la porta (ad esempio la panchina era già pronta ad esplodere sul colpo di testa di Savio).

Il secondo tempo vede l’ingresso subito di Rocco al posto di Miki (ovazione per lui) e poco dopo di Vince per Mirco. L’atteggiamento dei nostri per i primi 20 minuti non cambia, SSR controlla e affonda e Real che prova a ripartire ma non graffia. Poi complice un po’ di affaticamento (abbiamo corso tanto) e il pensiero di aver già portato a casa il risultato, fa arretrare quel po’ che basta il baricentro della squadra e dare animo allo spompato Real che su un calcio d’angolo trova un insperato goal su l’unica disattenzione difensiva. Sul 2 a 1 si fa più grande la paura di dover pareggiare ancora che la voglia di provare a segnare di nuovo e gli ultimi 15 minuti sono un po’ sofferti, il Real ci prova, ma Il Redentore tiene botta, entra anche Fefo per gli ultimi minuti di arroccamento e stavolta si può gioire con le braccia alzate al cielo. Era ora, “scusate il ritardo”!

Di buono:

Beh la partita in sé! Ottimo approccio, gioco, goals (più di uno), sicurezza in difesa e buona gestione del risultato. Fare 7 goals in 4 partite è buono, considerando che ne avevamo fatti  5 in 6 partite, il cambio di marcia c’è stato.

L’affiatamento sta crescendo e qualche animo si sta pure “calmando” o unendo al coro.

Da rivedere:

Ci sono alcune cose che ci devono far comunque riflettere, tipo almeno un goal lo prendiamo sempre oppure prendere 4 ammonizioni vincendo 2 a 0, in fondo è un po’ da “patacca”.

Su tutti:

Buona prestazione da parte di tutti i reparti, veramente.

Difesa: attenta, sicura ed unita

Centrocampo: filtro e corsa.

Attacco: goal e assist.

La morale:

La crescita continua, l’impegno, una certa sintonia, la voglia di riscatto e maggior attenzione e sicurezza premiano…bravi a non abbatterci prima, bravi a non accontentarci adesso (vero?).

Copyright © 2020 SS Redentore. Design: goodkarma. - Area Riservata

Privacy Policy